NEWS

...

MON. AUG. 10 2020  /  Augusto Cosulich

Press review - Intervista al Dott. Augusto Cosulich

Se la paura fa 90, Augusto Cosulich va oltre la cabala e la rilancia con 95.

Tanti, infatti sono i milioni di euro che il gruppo genovese - oltre 1 miliardo di fatturato, presenza in tutti i continenti - si prepara a investire in uno dei momenti più difficili dell’economia.

“Vedo tanti imprenditori che, con coraggio, annunciano la loro voglia investire - spiega a Repubblica Augusto Cosulich, amministratore delegato dell’agenzia marittima Fratelli Cosulich - noi ci siamo, ci siamo sempre stati. E, soprattutto in un momento come questo vogliamo sottolineare la necessità di rimboccarsi le maniche e ripartire“.

Non sfugge certo all’agente marittimo la fase davvero particolare che sta attraversando l'economia genovese e ligure, come confermato giovedì dall’analisi di Confindustria. Ma è altrettanto vero che l' inaugurazione del nuovo ponte ha trasmesso al territorio nuova forza, e non solo simbolicamente.

“Il nuovo ponte, la Guido Rossa, che prosegue in lungomare Canepa la strada della Superba danno alla città un po’ più di respiro dal punto di vista infrastrutturale - spiega - i problemi da superare sono ancora grandissimi, lo so bene, e dobbiamo continuare a batterci affinché li completino e realizzino le grandi opere, il terzo valico, la gronda autostradale, la diga foranea. Ma nel frattempo non possiamo sempre stare fermi ad attendere dobbiamo recuperare in fretta il terreno perduto“.

L' agente marittimo non si ferma all’analisi del primo semestre, terribile per l’economia a causa dell’emergenza coronavirus che si è innestata su uno scenario economico sostanzialmente stagnante. Guarda avanti, ai mesi che ci attendono e prova lanciare un segnale di ottimismo, non di facciata.

“L'ottimismo fine a se stesso non serve a nulla e soprattutto può riservare alla prova dei fatti brutte sorprese - dice Cosulich - L' economia del mare, con lo scambio di merci e di persone spesso ci consente di capire che cosa accadrà nei mesi a venire. Dal nostro osservatorio vediamo ancora in sofferenza una parte di servizi legati alla ristorazione, al piccolo artigianato, al turismo e alla moda. Ma ci sono anche segnali che ci avvertono che la ripresa è in atto“

L' agente cita alcune esperienze personali che inducono a riflettere. “La scorsa settimana ho avuto un incontro con il CEO di una delle prime tre banche in Italia e mi ha confermato che nei loro conti correnti c'è una quantità di liquidità impressionante. Questo spiega anche perché la borsa ha assorbito praticamente tutta la perdita di febbraio. Allora dico, ma perchè chi ha liquidità non investe in attività produttive per fare impresa e creare occupazione? Dove sono gli imprenditori? Ci sono molto opportunità, tante cose da fare. Oppure vogliono tutti tenere i soldi sotto il cuscino?"

Proprio l’enorme massa di liquidità ferma nei conti correnti a cominciare dalla Liguria, rappresenta un ostacolo allo sviluppo. “Arriveranno anche tanti soldi dall’Europa - chiude l'agente - ora è il momento di far vedere la nostra capacità imprenditoriale, la nostra fantasia, la nostra professionalità e soprattutto di rimboccarsi le maniche. Ad agosto bisogna lavorare, altro che vacanze. Siamo già rimasti parecchio fermi durante il Lockdown. Noi faremo la nostra parte, come tanti altri imprenditori che hanno il coraggio di investire. Fratelli Cosulich, infatti, al momento ha varie due diligence in atto che porteranno investimenti a breve per 95 milioni“.